NOTIZIERENDERE I DIRITTI UMANI UNA REALTÀ IN TUTTO IL MONDO

KERRI KASEM LOTTA PER I DIRITTI DELLA FAMIGLIA

Kerri Kasem (a destra) con il padre Casey Kasem, ex conduttore radiofonico dell’American Top 40 e la voce di Scooby Doo.

La conduttrice radiofonica Kerri Kasem, figlia di Casey Kasem, condivide il suo racconto e la sua battaglia personale per garantire i diritti umani.

“La gente pensa che le violazioni dei diritti umani avvengano a Timor, in Ruanda e in Iran. Ma ci sono i diritti umani che vengono violati ogni singolo giorno, qui negli Stati Uniti d’America”, dice Kerri Kasem, un’Ambasciatrice di Uniti per i Diritti Umani (UHR).

Kerri, il cui padre Casey Kasem fu il conduttore radiofonico dell’American Top 40 e la voce di Scooby Doo, l’ha sperimentato in prima persona. Lei perse i contatti con Casey quando fu colpito da demenza e sua moglie, nel 2013, divenne la sua tutrice. Il suo telefono e il computer vennero portati via, il suo staff venne licenziato e nessuno della famiglia o degli amici avevano il permesso di vederlo.

Senza speranza, indifesa, frustrata e arrabbiata, Kerri imparò presto che non aveva nessuno a cui rivolgersi: né la polizia né i servizi di assistenza sociale potevano aiutarla.

“Mi sono resa conto che non c’era alcun diritto per i figli di visitare i genitori sofferenti”, dice Kerri. “E gli ‘isolatori’ non erano neppure obbligati a dire ai figli se i genitori malati erano morti o dov’erano sepolti. Il diritto di mio padre alla famiglia, il diritto di vivere in libertà e sicurezza, e il diritto di essere libero dalla tortura gli vennero tutti negati. Anche da morto la mia matrigna ha violato i diritti di mio padre – il suo diritto alla nazionalità – seppellendolo in una nazione in cui non era mai stato, dove non aveva nessuna famiglia, essendo nato e cresciuto negli Stati Uniti d’America e lui voleva essere sepolto qui.”

Parlando della sua esperienza, Kerri ha cominciato a ricevere centinaia di lettere da persone in situazioni simili, persone traumatizzate, arrabbiate per non rivedere mai i propri cari.

“Sapevo di dover fare qualcosa”, ha detto. “Così ho iniziato creando la Fondazione Kasem Cares e ho cominciato a viaggiare in tutto il paese per istruire gli altri sui diritti umani fondamentali e a lottare per rendere tali diritti una realtà attraverso le leggi.”

Kerri ha fatto passare in California la proposta di legge Kasem Cares sulle visite. La legge permette ai figli adulti di chiedere ad un giudice il diritto di visitare il genitore o la persona cara sofferente, e autorizza che il tutore di un genitore dica ai figli (quando il loro genitore è in ospedale) se è deceduto e dov’è sepolto. (La legge non forza visite se il genitore sofferente non lo desidera.) Ora, essendo legge effettiva in 11 stati, i suoi aspetti sono stati incorporati in analoghe proposte di legge in altri nove stati. Ciò si traduce in 20 stati che approvano leggi per limitare abusi sugli anziani, e altri stati ancora in cui stanno venendo proposte.

“La gente pensa che le violazioni dei diritti umani avvengano a Timor, in Ruanda e in Iran. Ma ci sono i diritti umani che vengono violati ogni singolo giorno, qui negli Stati Uniti d’America.”

Poco dopo l’approvazione della proposta di legge, Kerri ricorda una donna che piangeva e stringeva una lettera per Kerri, ringraziandola per il suo lavoro. La donna le disse: “Ho avuto modo di vedere mio padre e di stare con lui prima che morisse grazie alla sua proposta di legge”.

“Essenzialmente, gli abusi sugli anziani sono una questione di diritti umani”, dice Kerri. “Le persone danno per scontato i loro diritti umani finché non gli vengono tolti, ma ora dovete conoscerli.”

Oggi, Kerri usa i materiali audiovisivi di Uniti per i Diritti Umani per addestrare pubblici ministeri, investigatori, forze dell’ordine, e amministratori dei servizi sociali per adulti, sui diritti fondamentali a rischio riguardo agli abusi sugli anziani.

“Se conoscete i diritti umani potete cambiare la vostra città, potete cambiare il vostro stato, potete cambiare la vostra nazione, potete cambiare il mondo”, dice Kerri. “Conosci quali sono e pretendi che le persone li rispettino e li sostengano. Ecco cosa mi ha insegnato la mia esperienza.”



Abbiamo bisogno del tuo aiuto

Unisciti al movimento internazionale dei diritti umani diventando un membro di Uniti per i Diritti Umani. Uniti per i Diritti Umani assiste individui, educatori, organizzazioni ed enti di governo di tutte le parti del mondo nell’aumentare la consapevolezza della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

SCARICA »
SCARICA